Vai menu di sezione

L'Unione della Carnia

Di Carnia ne sappiamo, ma di Unione Territoriale Intercomunale della Carnia quanto conosciamo? Da qualche anno si sente spesso parlare di UTI, ma nella maggior parte delle occasioni manca un'informazione chiara e completa sul tema. Qui proviamo a riordinare le idee.

Cosa sono le Unioni Territoriali Intercomunali?

UTI è l'acronimo di Unione Territoriale Intercomunale, una realtà amministrativa di recente costituzione su cui fare chiarezza. Le UTI nascono nel 2014, con la Legge Regionale n. 26 , che prevede il ridisegno del sistema delle Autonomie Locali del Friuli Venezia Giulia, basato fino a questo momento sulla presenza di Regione, Province e Comuni. Cosa cambia rispetto prima? Grazie alla legge regionale n.26 si superano le Province e, dove presenti, le Comunità Montane, e si riuniscono più Comuni in Unioni Territoriali Intercomunali.

Perché le Unioni Territoriali Intercomunali?

Perché costituire le Unioni Territoriali Intercomunali? Perché uniti si lavora meglio. Riunendo i piccoli e i grandi Comuni del territorio sotto un unico ombrello, si riuniscono anche le forze per produrre servizi efficienti, efficaci e sostenibili da erogare in forma rinnovata attraverso una prospettiva di sviluppo territoriale di area vasta. In questa visione i singoli Comuni mantengono la loro identità, ma decidono di condurre in maniera comune alcune attività, come la gestione delle attività produttive, la gestione dei servizi sociali e la programmazione e pianificazione territoriale. Così facendo, le risorse risparmiate sono notevoli.

Ma Unione Territoriale Intercomunale non è solo questo. L'Unione ha tra i suoi obiettivi principali la crescita e il rilancio di un territorio attivo e attrattivo dal punto di vista sociale ed economico. Come raggiunge questo scopo? Grazie al Piano dell'Unione, uno strumento partecipativo di programmazione e pianificazione che, con cadenza triennale, definisce le politiche di sviluppo del territorio necessarie per l'assegnazione delle risorse finanziarie regionali.

Come funzionano le Unioni Territoriali Intercomunali?

Le Unioni Territoriali Intercomunali sono realtà amministrative che godono di autonomia statuaria e regolamentare e si dotano di un sistema di governo affidato ad un'Assemblea dei Sindaci  composta da tutti i Sindaci dei Comuni aderenti all'Unione e da un Presidente eletto tra i componenti dell'Assemblea. Inoltre, viene costituito l'Ufficio di Presidenza , che corrisponde all'organo esecutivo dell'Unione.

L'Unione Territoriale Intercomunale della Carnia

L'Unione Territoriale Intercomunale della Carnia avvia le sue prime attività il 1 luglio 2016, subentrando alla Comunità Montana della Carnia. L'Unione si estende per 1031 km quadrati e include 24 Comuni: Amaro , Arta Terme , Cavazzo Carnico , Comeglians , Enemonzo , Forni Avoltri , Forni di Sopra , Lauco , Ovaro , Paluzza , Paularo , Prato Carnico , Preone , Ravascletto , Raveo , Rigolato , Sappada Sauris , Socchieve , Sutrio Tolmezzo , Treppo Ligosullo , Verzegnis e Villa Santina . Per riuscire a favorire e a gestire al meglio la numerosità dei Comuni presenti in Unione, l'Assemblea dei Sindaci ha deciso di suddividere il territorio in 4 aree, chiamate subambiti, riconducibili alle 4 vallate principali: la Val Tagliamento, la Val Degano - Pesarina, la Valle del But - Chiarsò, la Conca Tolmezzina. L'intero territorio dell'Unione è classificato come "montano" dalla Legge Regionale 12/2003. L'Unione della Carnia confina con le seguenti Unioni: a est con l'Unione Canal del Ferro e Valcanale e l'Unione del Gemonese, a sud con l'Unione delle Valli e delle Dolomiti Friulane. Il Comune capofila dell'Unione della Carnia è Tolmezzo, dove si trova la sua sede legale.

L'Unione della Carnia persegue i seguenti obiettivi:

  • la valorizzazione della zona montana, la tutela e la salvaguardia dell'ambiente e il razionale assetto del territorio;
  • lo sviluppo sostenibile territoriale, economico e sociale dell'intero comprensorio;
  • la tutela e la valorizzazione delle specifiche identità storiche, culturali, linguistiche, delle tradizioni e degli usi delle popolazioni residenti;
  • l'esercizio coordinato di funzioni e servizi comunali, sovracomunali e di area vasta;
  • l'innalzamento della qualità e della parità di accesso alle prestazioni e ai servizi erogati a livello comprensoriale;
  • la razionalizzazione e il contenimento della spesa
  • la realizzazione e il mantenimento di un'adeguata rete infrastrutturale.

Per conoscere i servizi e gli uffici dell'Unione Territoriale Intercomunale della Carnia si visiti il sito istituzionale UTI CARNIA , dove reperire anche informazioni riguardo bandi, news, e avvisi per la selezione del personale.

L'Unione della Carnia ti informa e tu la informi  

Se appartieni ad un'associazione, ad un'impresa, ad una scuola o organizzi eventi e manifestazioni sul territorio, fallo sapere! Contattaci all'indirizzo mail comunicazione@carnia.utifvg.it per condividere informazioni e contribuire assieme a noi a creare e diffondere costantemente una promozione efficace di quanto accade sul territorio.

Il Piano dell'Unione della Carnia

  • Il Piano dell’Unione è lo strumento previsto dalla L.R. 26/2014 , che permette all’Unione della Carnia di introdurre alcuni elementi innovativi nel modo di affrontare la sfida complessa del governo del territorio.

Il doppio ruolo dell'Unione

  • L'Unione della Carnia ha un doppio ruolo: da una parte si occupa dello sviluppo del territorio, dall'altra della gestione dei servizi e delle funzioni erogate in forma associata ai Comuni, come previsto da L.R. 26/2014

Pagina pubblicata Lunedì, 25 Settembre 2017 - Ultima modifica: Martedì, 18 Settembre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto