L'UTI della Carnia chiede al Governo sgravi fiscali e imposte azzerate per i Comuni Montani

16/10/2018 - Sgravi fiscali per chi ha un negozio, un’attività, una partita iva, una piccola impresa in un Comune montano e imposte azzerate per imprese ed esercizi commerciali nei Comuni alpini sotto i mille abitanti. Questi sono due dei provvedimenti richiesti fortemente dai Comuni della Carnia al governo e ai parlamentari attraverso un ordine del giorno approvato all’unanimità ieri sera dall’Assemblea dell’UTI della Carnia.

 “Sono temi che ogni amministratore della montagna conosce a memoria, al pari di chi abita e fa impresa nelle terre alte - spiega il Presidente dell’UTI della Carnia e Sindaco di Tolmezzo Francesco Brollo - ma che il legislatore nazionale spesso fatica a comprendere. Perciò non dobbiamo rinunciare a batterci per questi aspetti. Il fatto che la Carnia sia tra i primi territori in Italia a deliberare e a fare al governo queste proposte prodotte dall’Uncem è significativo, visto che fu un carnico, Michele Gortani, a introdurre in Costituzione, all’articolo 44, la previsione che la legge deve provvedere misure a sostegno delle zone montane”. Il documento è stato infatti prodotto dall’Unione Nazionale Comuni, Comunità, enti montani e l’UTI della Carnia lo ha votato ieri sera all’unanimità.

“La montagna non chiede trattamenti di favore - conclude Brollo – ma solamente di annullare gli svantaggi che ha rispetto alla città e alla pianura. Vivere in montagna è meraviglioso, ma farlo costa di più: si pensi solo al riscaldamento, a cui bisogna aggiungere le difficolta logistiche legate all’orografia e le maggiori spese di trasporto".

Nello specifico, la delibera chiede al Governo e al Parlamento di individuare, in primo luogo nella Legge di bilancio 2019, sgravi fiscali e minor carico burocratico per chi possiede un negozio in un Comune montano, per chi avvia un'attività in questi territori, per chi vuole potenziare una piccola impresa, per coloro che aprono una partita iva, per i passaggi generazionali e per le cessioni.

Ai sensi della legge 97 del 1994 (art.16), per le piccole e medie imprese e gli esercizi commerciali si chiede che venga stabilita un’aliquota unica e fissa e progressiva a seconda dell’imponibile e del grado di marginalità del Comune dove è collocata.

Viene proposto poi di individuare nella legislazione nazionale opportune “Zone a fiscalità di vantaggio”, ovvero le “ZES” (Zone economiche speciali montane), da avviare in aree dove i Comuni registrano un alto grado di marginalità socio-economica, anche sulla base delle classificazioni redatte a livello nazionale dalla Strategia per le Aree interne. Si suggerisce ancora di azzerare le imposte per imprese ed esercizi commerciali nei Comuni con meno di mille abitanti individuati come ad alta o altissima marginalità socio-economica.

Ulteriori misure richieste sono l’incentivazione di centri multifunzionali, ovvero di tutti quei negozi che vendono prodotti e allo stesso tempo svolgono dei servizi, d’intesa anche con associazioni locali presenti nei piccoli Comuni, come le Pro Loco e i gruppi dell’Associazione nazionale Alpini.

Un occhio di riguardo viene riservato anche all’e-commerce, con corsi di formazione specifici in accordo con le Associazioni di categoria e rivolti ai piccoli commercianti e produttori agricoli delle aree montane. In questo modo si evidenzia ulteriormente l’importanza della vendita online dei loro prodotti, oggi un canale fondamentale per aumentare il fatturato.

Sempre legato al commercio si chiede il sostegno per la campagna “Compra in valle, la Montagna vivrà”, con una mobilitazione sui media e con manifesti in tutti i Comuni montani. Questo permetterebbe di favorire tutte le azioni possibili di marketing territoriale individuate dalle Unioni montane di Comuni, luogo politico nel quale maturano le scelte di promozione del territorio in accordo con i soggetti privati, le imprese e le loro rappresentanze.

I Comuni montani chiedono tutto ciò perché, come scritto nel documento redatto dall’Uncem, in montagna il negozio è un ancoraggio della comunità, un luogo di aggregazione prima ancora che di acquisto e dove, incontrandosi, cresce la collettività.

Occorre quindi individuare una “fiscalità di vantaggio” differenziata e peculiare per le imprese del territorio montano. Solo così sarà possibile favorire la presenza di attività economiche nelle Terre Alte, arginando lo spopolamento e l’abbandono della montagna, da sempre le grandi sfide contro quel fenomeno che continua a portare a valle giovani e famiglie, aziende e opportunità di crescita socio- economica. Occorrerebbe anche eliminare nelle aree montane gli studi di settore, falsati da turismo stagionale e presenza di comunità sempre più ridotte nei numeri. Un progetto complesso che Uncem sostiene da anni.

Attualità Economia

Condividi

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto