Summer School Dolomiti UNESCO 2018

03/09/2018 - Sviluppare una cultura del paesaggio e una riflessione sui metodi e gli strumenti di governance e gestione dello stesso, dell’ambiente e del territorio. È questo l’obiettivo delle tre giornate di formazione specialistica della seconda edizione della Summer School “Paesaggi e vivibilità: percezione, progettazione, governance” rivolta a 25 tra tecnici e amministratori, liberi professionisti, rappresentanti di Aziende di Promozione Turistica, associazioni e operatori economici dei territori delle Dolomiti UNESCO. L’iniziativa, a frequenza gratuita, è in programma per le giornate del 5, 6 e 7 settembre 2018 a Forni di Sopra (UD), presso la Ciasa dai Fornés, e si sviluppa all’interno dell’iniziativa “Dolomiti Days 2018” quale azione di promozione del Bene Dolomiti UNESCO Patrimonio dell’umanità.

Gli appuntamenti proposti sono ricchi di spunti e approfondimenti, progettati sotto l’egida delle Rete della Formazione della Fondazione Dolomiti UNESCO e coordinati da Gabriella De Fino, responsabile dell’Area UNESCO di tsm-step, Scuola per il governo del territorio e del paesaggio di Trento, e da Gianpaolo Carbonetto, giornalista e studioso di culture della montagna.

Obiettivo degli incontri della Summer School è quello di comprendere la percezione e la progettazione del paesaggio, riflettere sulla governance di territori complessi come lo è il Bene Dolomiti UNESCO, confrontarsi con il rapporto e l’effetto dell’opera umana sul paesaggio da una prospettiva antropologica, discutere di ecosistema e vivibilità e, infine, considerare anche le evoluzioni climatiche e i limiti delle risorse naturali all’interno del contesto.

Gli incontri avranno inizio mercoledì 5 settembre con il seminario “Paesaggio e cultura della montagna” a cura dell’antropologo Annibale Salsa, già presidente nazionale del CAI, e continueranno nel pomeriggio con il secondo appuntamento “Cultura, paesaggio e turismo” in compagnia di Marco Aime dell’Università degli Studi di Genova. Giovedì 6 settembre si cambia destinazione per l’uscita di studio e visita alla località “Pani” con Andrea Menegotto e Federico Giuliani, gli stessi che nel pomeriggio approfondiranno i temi legati al paesaggio all’interno del seminario “Teoria e progetto nella gestione del paesaggio” presso il Centro Culturale Casa del Paesaggio di Socchieve. Sempre nella stessa sede alle ore 18.30 verrà inaugurata la mostra fotografica “SOSPENSIONI. Prove di decodificazione dell’Alta Valle di Susa contemporanea”, realizzata da CIPRA ITALIA e che rimarrà visitabile fino al 23 settembre 2018. Gli incontri si concluderanno venerdì 7 settembre, ritornando a Forni di Sopra, con l’appuntamento “Evoluzione dell’idea di paesaggio tra analisi e progetto” in compagnia di Adelina Picone dell’Università degli Studi di Napoli e due incontri finali con il climatologo Luca Mercalli: il primo, riservato ai partecipanti alla Summer School, sul tema “Cambiamento climatico, limiti delle risorse e impatti sul paesaggio e sul pianeta”, il secondo, sul tema “Il Pianeta è al collasso: possiamo salvarlo?” sarà aperto al pubblico.

La Summer School 2018 è una proposta della Regione Friuli Venezia Giulia e dell’UTI della Carnia, con la collaborazione della Fondazione Dolomiti UNESCO, dell’ASCA, del Comune di Forni di Sopra, del Parco Naturale Dolomiti Friulane e della Federazione Regionale degli Ordini degli architetti pianificatori, paesaggistici e conservatori del Friuli Venezia Giulia (per gli iscritti agli Ordini c’è la possibilità di avere dei crediti formativi).

Cultura Economia

Condividi

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto